La squadra dell’Università di Cambridge vince l’edizione 2016 del Concorso europeo di perorazione giuridica
Consiglio d'Europa Strasburgo 18 febbraio 2016
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Concorso europeo di perorazione giuridica

Gli studenti dell’Università di Cambridge (Regno Unito) sono i vincitori della quarta edizione del Concorso europeo di perorazione giuridica, in lingua inglese, sulla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. La finale li ha visti competere contro gli studenti dell'Università "St. Kliment Ohridski" di Sofia (Bulgaria). Al terzo posto, la squadra dell’Università Babeş Bolyai (Cluj-Napoca, Romania).

Il premio per il miglior oratore è stato conferito a Ciju Puthuppally, Università di Cambridge.

Il premio per le migliori osservazioni scritte in qualità di difensore è stato assegnato all'Università di Graz mentre quello per le migliori osservazioni scritte in qualità di ricorrente è stato assegnato alla squadra dell'Università di Cambridge.

La finale si è tenuta oggi alla Corte europea dei diritti dell'uomo a Strasburgo. La giuria, composta da eminenti personalità, tra cui giudici della Corte e alti funzionari del consiglio d’Europa, è stata presieduta da Mark Villiger, ex giudice presso la Corte europea dei diritti dell'uomo.

Sedici squadre universitarie provenienti da dodici paesi (Germania, Austria, Bulgaria, Spagna, Irlanda, Paesi Bassi, Repubblica ceca, Romania, Regno Unito, Serbia e Turchia) si sono affrontate nella discussione di un caso fittizio riguardante i danni e la responsabilità ambientale. La squadra vincitrice si aggiudica uno stage presso la Corte europea dei diritti dell'uomo. (segue...)

Sedici squadre provenienti da dodici paesi europei presenti al Concorso di perorazione giuridica sulla Convenzione europea dei diritti dell’uomo

La fase finale della quarta edizione del Concorso europeo di perorazione giuridica, in lingua inglese, sulla Convenzione europea dei diritti dell'uomo si svolgerà dal 15 al 18 febbraio 2016 presso la Corte europea dei diritti dell'uomo a Strasburgo.

Sedici squadre universitarie provenienti da dodici paesi (Germania, Austria, Bulgaria, Spagna, Irlanda, Paesi Bassi, Repubblica ceca, Romania, Regno Unito, Russia, Serbia e Turchia) sono state selezionate al termine della fase scritta del concorso.

Il concorso riprende la procedura seguita per l'esame di un ricorso dinanzi alla Corte europea dei diritti dell'uomo. Settantanove squadre di 26 paesi europei si sono affrontate nella discussione di un caso fittizio riguardante i danni e la responsabilità ambientale. Le sedici squadre selezionate faranno le loro presentazioni dinanzi alla Corte europea dei diritti dell'uomo per vincere uno stage presso la Corte.

Obiettivo di questo concorso di perorazione giuridica è quello di fornire una formazione pratica sulla Convenzione europea dei diritti dell'uomo e sulla sua applicazione a studenti di giurisprudenza europei che saranno i giudici, gli avvocati o i giuristi di domani.

Il Concorso è organizzato dall'Associazione europea degli studenti in giurisprudenza (ELSA – European Law Students Association), con il sostegno del Consiglio d'Europa. L'ELSA è un'associazione indipendente senza scopo di lucro che rappresenta 40.000 studenti presso 300 università di 43 paesi europei.

Numerosi paesi del Consiglio d'Europa hanno fornito un sostegno finanziario all'organizzazione della quarta edizione di questo concorso, in particolare la Bulgaria, attualmente alla presidenza del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, la Grecia e la Turchia.

Elsa Elsa

L'Associazione europea degli studenti in giurisprudenza (ELSA) è un'associazione indipendente, apolitica e senza scopo di lucro gestita da e per gli studenti in giurisprudenza e giovani giuristi. L'ELSA conta 40.000 membri, studenti e giovani laureati. Opera attraverso i suoi gruppi locali, situati in circa 300 università e 43 Stati europei.

Obiettivo dell'ELSA è contribuire all'insegnamento del diritto e alla promozione dei diritti umani. Il Consiglio d'Europa è in partenariato con l'ELSA dal 2008.

Edizioni precedenti Edizioni precedenti