14 June - World Blood Donor Day

For many years, the Council of Europe has been supporting World Blood Donor Day (WBDD), which is a worldwide event organised by the World Health Organisation (WHO) to honour and give thanks to those people who give the gift of life through blood donation. In 2013 the Council of Europe is joining the founding international organisations to call for a mobilisation to donate blood and to say thanks to the millions of donors.

The Council of Europe promotes 3 major principles in the area of blood transfusion: the achievement of self-sufficiency, the protection of the health of blood donors and recipients and the non-commercialisation of substances of human origin by voluntary and non-remunerated donation.

The European Committee on Blood Transfusion (CD-P-TS) is in charge of this work. It has representatives from 35 European countries and 9 observer states, as well as the World Health Organization (WHO) and the European Commission. The European Directorate for the Quality of Medicines & HealthCare (EDQM, Council of Europe) co-ordinates the activities of the CD-P-TS.
It produces consensus reports aimed at improving practices, international surveys and recommendations to member states to make improvements to national legislation.

It also publishes the "Guide to the preparation, use and quality assurance of blood components" for professionals which is internationally recognised as a cornerstone in standard setting. The annual survey on the collection, testing and use of blood and blood components in Europe and the central database on stocks of frozen blood of rare blood groups are other examples of work given a high priority.

Edizione 2013

Quest'anno, il tema della Giornata mondiale del donatore di sangue sarà: "Dona la vita, dona il sangue". Ciascuno di noi può, donando il sangue, offrire il dono della vita a qualcuno che ne ha bisogno.

Quest'anno ricorre il 10˚ anniversario della Giornata e numerose manifestazioni e attività saranno organizzate a livello locale nei paesi partecipanti. Questo appuntamento mondiale di cadenza annuale ricopre nel 2013 un significato particolare per l'Europa, dato che la Francia è stata selezionata per ospitare il simposio internazionale di quest'anno, attraverso la sua istituzione nazionale di raccolta del sangue ("Établissement Français du Sang" (EFS)).

Una mappa interattiva disponibile sul sito della Direzione europea per la qualità dei farmaci e cura della salute (DEQM) permette ai visitatori di conoscere gli eventi festivi del proprio paese.

A cosa serve il sangue raccolto?

Ogni anno, in Europa, sono raccolte decine di milioni di sacche di sangue. Queste consentono a numerosi malati di ricevere i componenti sanguigni di cui hanno bisogno. cioè globuli rossi, piastrine o plasma, a seconda delle loro necessità (non si effettuano mai trasfusioni di sangue intero, ma unicamente delle componenti di cui il paziente ha bisogno, eccetto in caso di autotrasfusione).
 
Le trasfusioni di globuli rossi e piastrine servono a curare malattie come tumori, come la leucemia (50%), e a lottare contro le emorragie accidentali; sono inoltre preziosi durante gli interventi chirurgici (15%), per sostituire il sangue perso nel corso dell'operazione. Il plasma può essere utilizzato intero, in particolare per bloccare gravi emorragie dovute ad alterazioni o deficit del fattore coagulativo, oppure può essere frazionato per isolare certe proteine (immunoglobuline, fattore della coagulazione, albumina,….) a fini terapeutici.

Chi può diventare donatore di sangue?

In Europa, ogni persona sana, di età compresa tra i 18 e i 65 anni, può diventare donatore di sangue, mentre altri requisiti sono richiesti per le donazioni di plasma e di piastrine. In Europa, i donatori di sangue in modo regolare rappresentano tra lo 0,4 e il6, 4% della popolazione adulta. Per motivi di sicurezza, non possono donare sangue i consumatori di droghe iniettabili, i portatori di infezioni trasmissibili (HIV, epatite C….) e le persone che abbiano ricevuto un trapianto d'organo o una trasfusione.

Che tipi di donazioni sono possibili?

I centri di raccolta raccolgono:

  • sangue intero che sarà trasformato in componenti sanguigni;
  • plasma, grazie a una tecnica chiamata plasmaferesi (il sangue prelevato al donatore viene fatto passare in un apparecchio chiamato separatore, che trattiene il plasma e restituisce le cellule sanguigne al donatore). Il plasma può essere trasfuso nel paziente o trasformato in prodotti terapeutici);
  • piastrine, mediante una tecnica chiamata citoaferesi (come per la donazione di plasma, il sangue passa attraverso un apparecchio di separazione, con la differenza che viene conservato soltanto il concentrato piastrinico, mentre gli altri costituenti sono restituiti al donatore);

centri che gestiscono le donazioni raccolgono inoltre campioni di sangue dei donatori desiderosi di iscriversi nei registri dei donatori di midollo osseo e di cellule staminali ematopoietiche. Tale registro consente la ricerca di donatori compatibili per i pazienti che hanno bisogno di un trapianto.

Quali devono essere gli intervalli tra una donazione e l'altra?

Gli uomini possono in genere effettuare un massimo di 6 donazioni di sangue all'anno e le donne non devono superare le 4. Per quanto riguarda le donazioni di plasma e di piastrine, si possono effettuare donazioni più frequenti, fino a un massimo di 20 all'anno.