Indietro

Vittime del terrorismo e rifugiati tra i temi dell’incontro del Comitato dei Ministri a Cipro

Comitato dei Ministri Strasburgo 17 maggio 2017
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Vittime del terrorismo e rifugiati tra i temi dell’incontro del Comitato dei Ministri a Cipro

I Ministri degli Affari esteri dei 47 Stati membri del Consiglio d’Europa si incontreranno a Nicosia (Cipro) il 19 maggio. Tra i temi principali in programma figurano una nuova convenzione contro il traffico dei beni culturali (compreso quello ad opera di terroristi finanziati da tale traffico), linee guida innovative per proteggere le vittime del terrorismo e un piano d’azione per proteggere i minori rifugiati e migranti.

La sessione, presieduta da Iannis Kasoulides, Ministro cipriota degli Affari esteri e Presidente del Comitato del Ministri, si terrà presso il Centro conferenze Filoxenia (17 Thrakis Street, Nicosia) e inizierà alle 9:30. Sarà inaugurata dal Presidente di Cipro, Nicos Anastasiades.

Durante la sessione, verrà aperta alla firma la Convenzione del Consiglio d’Europa sui reati relativi ai beni culturali, unico trattato internazionale che affronta specificamente la criminalizzazione del traffico illecito di beni culturali, come il saccheggio di Palmira da parte del Daesh.

Verranno adottate nuove linee guida per potenziare l’assistenza, l’informazione e l’indennizzo forniti alle vittime di atti di terrorismo  in tutti i 47 Stati membri. Tali linee guida prevedono diverse misure a titolo gratuito che gli Stati sono invitati a istituire, in particolar modo servizi di assistenza e supporto medico, psicologico e sociale d’emergenza, centri di informazione per le vittime, accesso alla giustizia e indennizzi tempestivi.

Il Comitato dei Ministri dovrebbe inoltre adottare un Piano d’azione per la protezione dei minori rifugiati e migranti in Europa.


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter