Indietro

L’Ucraina deve ora mettere in pratica le promettenti riforme intraprese nella lotta alla corruzione

Gruppo di Stati contro la corruzione Strasburgo 8 agosto 2017
  • Diminuer la taille du texte
  • Augmenter la taille du texte
  • Imprimer la page
  • Imprimer en PDF
Shutterstock

Shutterstock

In un nuovo rapporto pubblicato oggi, il Gruppo di Stati contro la corruzione (GRECO) del Consiglio d'Europa incoraggia le autorità ucraine a proseguire gli sforzi di riforma nella lotta contro la corruzione compiuti dopo la Rivoluzione della Dignità, e a ottenere risultati concreti.

Il GRECO mette in guardia contro eventuali ritardi e disagi e chiede urgentemente che le riforme siano sostenute da una forte volontà politica e seguite da concreta attuazione.

Gli esperti sottolineano che le sfide più urgenti riguardano la lotta ai casi più gravi di corruzione e la fine dell’impunità. Perché questo avvenga, il GRECO reputa fondamentale rendere indipendenti ed efficaci gli organismi anticorruzione recentemente istituiti, quali l’Ufficio nazionale anticorruzione, l'Agenzia nazionale per la prevenzione della corruzione e la Procura specializzata anticorruzione, nonché di dotarli dei mezzi necessari per contrastare con efficacia il problema.

Comunicato stampa - L’Ucraina deve ora mettere in pratica le promettenti riforme intraprese nella lotta alla corruzione


Seguici Seguici

       

Galleria fotografica Galleria fotografica
galleries link
Facebook Facebook
@coe su Twitter @coe su Twitter